• CAF
  • Alioto
  • milauto
  • CAF 2
  • alioto farmacia
  • milauto

Non ci sono live in questo momento!

  • CAF Milazzo 1
  • Officine 1
  • Imm 004
  • Caf Milazzo 2
  • officine 2
  • Luci A Sud

  • Milauto

Moda e società

I diritti dei bambini

“L’umanità deve all’infanzia il meglio di ciò che ha da offrire“ , queste furono  le  parole pronunciate a New York, il 20 novembre 1989, dall’allora Segretario Generale Kofi A. Annan, di fronte all’Assemblea delle Nazioni Unite. Da quel giorno il 20 novembre è l'anniversario della Convenzione Internazionale sui Diritti dell’Infanzia. L'adozione della convenzione internazionale è stata una pietra miliare per i diritti dei bambini: per la prima volta i bambini sono stati considerati come persone che partecipano attivamente alle decisioni da prendere.
Una decisione storica, eppure solo un piccolo tassello nel lento e graduale cammino verso il riconoscimento dei diritti umani dell’infanzia. Alla Convenzione Internazionale sui Diritti dell’Infanzia aderiscono oggi 193 paesi al mondo, tra i quali, dal 27 maggio 1991, anche l’Italia.
La Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia rappresenta il primo strumento di tutela internazionale che sancisca nel proprio testo le diverse tipologie di diritti umani: civili, culturali, economici, politici e sociali, nonché quelli concernenti il diritto internazionale umanitario. Esso recita in apertura «ai sensi della presente Convenzione si intende per bambino ogni essere umano avente un’età inferiore ai 18 anni» e prosegue mettendo in luce dibattiti e compromessi riguardo alla protezione del bambino prima della nascita.
 Essa prevede anche un meccanismo di controllo sull’operato degli Stati, che devono presentare a un Comitato indipendente un rapporto periodico sull’attuazione dei diritti dei bambini sul proprio territorio. L’Italia fino ad oggi presentato al  Comitato sui Diritti dell'Infanzia quattro rapporti.
La Convenzione è composta da 54 articoli e da tre protocolli opzionali (sui bambini in guerra, sullo sfruttamento sessuale, sulla procedura per i reclami).
Sono quattro i principi fondamentali della Convenzione sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza:
a)     Non discriminazione (art. 2): i diritti sanciti dalla Convenzione devono essere garantiti a tutti i minori, senza distinzione di razza, sesso, lingua, religione, opinione del bambino/adolescente o dei genitori.
b)     Superiore interesse (art. 3): in ogni legge, provvedimento, iniziativa pubblica o privata e in ogni situazione problematica, l'interesse del bambino/adolescente deve avere la priorità.
 c)     Diritto alla vita, alla sopravvivenza e allo sviluppo del bambino (art. 6): gli Stati devono impegnare il massimo delle risorse disponibili per tutelare la vita e il sano sviluppo dei bambini, anche tramite la cooperazione tra Stati.
 d)     Ascolto delle opinioni del minore (art. 12): prevede il diritto dei bambini a essere ascoltati in tutti i processi decisionali che li riguardano, e il corrispondente dovere, per gli adulti, di tenerne in adeguata considerazione le opinioni.
Nonostante il generale consenso sull’importanza dei diritti dei più piccoli, ancora oggi molti bambini e adolescenti, anche nel nostro Paese, sono vittime di violenze e abusi, vengono discriminati ed emarginati, o vivono in condizioni di grave trascuratezza anche a causa di condizioni di povertà sempre più frequenti.
 
Associazioni come Unicef e Telefono Azzurro svolgono un ruolo fondamentale nel monitoraggio  e da anni promuovono campagne internazionali affinché la tutela dell’infanzia sia realmente garantita su scala mondiale.
La campagna Unicef di quest’anno ,in occasione del 20 novembre, si chiama: "Indigniamoci!" ed è dedicata ai bambini migranti e rifugiati, i cui diritti sono spesso violati. Mai così tanti bambini e adolescenti, nel mondo, sono in fuga da guerre, miseria e persecuzioni. Mai così tanti in Italia ed Europa. Le emergenze circa il mondo dell’infanzia riguardano i bambini  immigrati ma anche i bambini italiani: pensiamo alle criticità di tipo economico, sociale e familiare che vivono le famiglie italiane, che spesso, loro malgrado, non riescono a provvedere ai loro bisogni. Le istituzioni devono impegnarsi concretamente a favore dell’infanzia garantendo maggiori risorse umane ed economiche alle scuole, ai servizi sociali, alle famiglie in difficoltà. Perché su tutto si può risparmiare ma non sulle condizioni di vita e sul futuro dei bambini.
 
Donatella Manna

Articoli relazionati

Nessun articolo relazionato


REDAZIONE

Pippo Midili

Pippo Midili

Direttore responsabile
Gianfranco Pensavalli

Gianfranco Pensavalli

 
Fortunato Marino

Fortunato Marino

Gianpaolo Piccolo

Gianpaolo Piccolo

Reparto Sport
Simone Barbaro

Simone Barbaro

Rubriche
Francesco D'Amico

Francesco D'Amico

Fabio Piccolo

Fabio Piccolo

Rossella Trimarchi

Rossella Trimarchi

Milena Cascio

Milena Cascio

Gianni Fantoni

Gianni Fantoni

Web architect
Laura Sidoti

Laura Sidoti

Graphic Designer
Dario Massi

Dario Massi

Digital Strategist, SEO

 


© 2015 - 2016 - All rights reserved - Associazione "Il Diario Metropolitano"
Via Cumbo Borgia, 57 - 98057 Milazzo (Me) | Tel. 090 9282074 - CF/P.IVA 03392860833

0
Shares