• CAF
  • Alioto
  • milauto
  • CAF 2
  • alioto farmacia
  • milauto

Non ci sono live in questo momento!

  • CAF Milazzo 1
  • Officine 1
  • Imm 004
  • Caf Milazzo 2
  • officine 2
  • Luci A Sud

  • Milauto

Cultura

Teatro Mandanici di Barcellona Pozzo Di Gotto. Grande musica con Bennato che ha aperto ieri sera la stagione.

Dal Teatro Mandanici di Barcellona è partito il tour di Edoardo Bennato e con oltre due ore di spettacolo dell’artista è stata avviata anche la stagione teatrale barcellonese. Nessuna sorpresa, rispetto alle logiche previsioni della vigilia, per l’atteso appuntamento con una delle voci rock & blues più amate del panorama canoro italiano, perché è stato un concerto all’insegna del sold out in quella che è stata l’unica tappa siciliana di Bennato e per il fatto che il concerto ha pienamente ripagato l’entusiasmo con cui il pubblico ha riempito il Mandanici. E’ stata pertanto una scommessa –come l’ha considerata il direttore artistico Sergio Maifredi presentando lo spettacolo- vincente per gli organizzatori, merito di un cantante che per l’immensa gioia e la manifestata felicità dei suoi fan ha riportato sul palco barcellonese la musica con quella grinta che lo caratterizza, con la riconosciuta intelligenza, senza far mancare la vena poetica che lo contraddistingue. Per la data di apertura del tour Edoardo Bennato aveva promesso: “ne vedrete delle belle”, come registrato da noi anche in fase di presentazione dell’evento,  ed è stato di parola, sostenuto anche da un’eccezionale supporto musicale. Dopo il prologo stagionale di qualche settimana fa con lo spettacolo “Le parole volano”, protagonisti Tullio Solenghi, Massimo Wertmuller, Corrado D’Elia, Roberto Alinghieri e Rosario Lisma, nella serata che è stata inaugurale per la stagione 2017-2018 è toccato a Bennato incantare il Mandanici ed il pubblico presente all’avvio del tour nazionale dell’artista che è venuto a coincidere con il quarantennale di “Burattino senza fili”, uno dei dischi più fortunati del cantautore napoletano, uscito in versione 2017, dal quale sono state tratte per l’occasione tante delle canzoni messe in scaletta. Brani d’autore, con i quali il cantastorie da quarant’anni immortala il mondo di oggi, fatto di buoni e di cattivi, di despoti e potenti, di corrotti e calunniosi, e tanto altro ancora, ma per inneggiare alla fine alla forza del popolo, passando per il più classico tra in sentimenti ispiratori dei poeti della canzone, quale è l’amore. Le canzoni di Bennato sono ricchissime di contenuti che fotografano, spesso pure in chiave critica all’occorrenza, la politica, la famiglia, il popolo,  insomma un mondo in cui viviamo, senza comunque mai perdere di vista le sue radici. In questa ottica, senza dubbio alcuno, si colloca la fantastica storia del “Pifferaio magico”, ma ancor più e sopratutto il suo ultimo lavoro “Pronti a salpare”, che l’artista ha corredato di un commento in cui afferma: “Viviamo un'era di grandi trasformazioni, di spostamenti biblici. Decine di migliaia, centinaia di migliaia di disperati cercano vie di scampo alle guerre, alla fame, alla miseria e si dirigono verso il conclamato benessere del mondo cosiddetto occidentale. Sono disposti a tutto, sono disperati, sono pronti a salpare! Ma tutti quanti noi dovremmo essere pronti a salpare. Il mondo cambia e dovremo entrare in un altro ordine di idee, guardare le cose da un altro punto di vista. Insomma, non solo gli emigranti ma tutti quanti noi in questo momento particolare dovremmo essere pronti a salpare. Ecco, il mio ultimo album si intitola proprio così”. In sede di presentazione della stagione teatrale il direttore artistico Sergio Maifredi ha dato atto come in realtà il teatro non si è mai fermato portando fuori la produzione (Taormina, Catania, ed altre sedi), mentre i dati della passata stagione al Mandanici (quella avviata adesso è la seconda) hanno fatto registrare 6 sold out su 10 spettacoli. “Il pubblico –ha detto- si è fidato e ad esso ha indirizzato ringraziamenti, accomunando anche tutta la squadra “con cui –ha aggiunto- abbiamo lavorato insieme ed in perfetta sinergia. Questo ha fatto in modo che tutto potesse funzionare al meglio”. Giustificando l’assenza in sala del Sindaco Roberto Materia, il direttore artistico ha anticipato ai presenti una “primizia”. “Il Sindaco –ha riferito- è assente per un impegno importante, istituzionale, perché domani sarà in Vaticano dove si svolgerà l’anteprima per la Città di Barcellona, “che è stata scelta come Città che ospiterà i festeggiamenti europei per San Rocco a fine maggio 2018, e questo porterà in Città oltre 10 mila presenze”. In Vaticano si svolgerà quindi la cerimonia di passaggio delle consegne tra il Sindaco della Città che ha ospitato l’ultima edizione della manifestazione, quindi Potenza, e il Sindaco della Città di Barcellona P.G.. Il prossimo appuntamento al Teatro Mandanici di Barcellona Pozzo di Gotto è con “Decameron” che porta in scena il mattatore Tullio Solenghi. Prodotto dal Teatro Pubblico Ligure con il patrocinio dell'Ente Nazionale Boccaccio, “Decameron”  è in cartellone il 18 novembre 2017 alle ore 21 con la regia di Sergio Maifredi, in collaborazione con Gian Luca Favetto, con Maurizio Fiorilla consulente letterario e Lucia Lombardo direttore di produzione.

REDAZIONE

Pippo Midili

Pippo Midili

Direttore responsabile
Gianfranco Pensavalli

Gianfranco Pensavalli

 
Fortunato Marino

Fortunato Marino

Gianpaolo Piccolo

Gianpaolo Piccolo

Reparto Sport
Simone Barbaro

Simone Barbaro

Rubriche
Francesco D'Amico

Francesco D'Amico

Fabio Piccolo

Fabio Piccolo

Rossella Trimarchi

Rossella Trimarchi

Milena Cascio

Milena Cascio

Gianni Fantoni

Gianni Fantoni

Web architect
Laura Sidoti

Laura Sidoti

Graphic Designer
Dario Massi

Dario Massi

Digital Strategist, SEO

 


© 2015 - 2016 - All rights reserved - Associazione "Il Diario Metropolitano"
Via Cumbo Borgia, 57 - 98057 Milazzo (Me) | Tel. 090 9282074 - CF/P.IVA 03392860833

0
Shares