• CAF
  • Alioto
  • milauto
  • CAF 2
  • alioto farmacia
  • milauto

Non ci sono live in questo momento!

  • CAF Milazzo 1
  • Officine 1
  • Imm 004
  • Caf Milazzo 2
  • officine 2
  • Luci A Sud

  • Milauto

Milazzo - cronaca

Milazzo. Emergenza rientrata ma cumuli di rifiuti restano per strada. Per l'amministrazione la città è pulita, i cittadini sorridono amaro.

Occhio non vede ..... . Quanto recitava un vecchio proverbio sembra essere ormai diventato il motivo dominante dei roboanti comunicati di un'Amministrazione Comunale decisa ad entrare nella storia della città non solo per il poco o niente prodotto ma anche per una "variazione" sulla realtà che ha dell'incredibile. Una emergenza discariche può capitare e non è certo da addossare come responsabilità a chi amministra. Quando torna il sereno però bisogna solo rimboccarsi le maniche e far tornare tutto nella normalità. Invece a Milazzo si è esaltata la colpa non si sa bene di chi per la chiusura di alcune discariche e poi ci si è autoincensati per avere condotto in maniera " ferma e decisa un'azione di pulizia della città" che ha consentito ai nostri eroi di .... svuotare i cassonetti dei rifiuti. Considerando che non avevamo voluto interessarci della problematica proprio perchè fatto normale e non eccezionale, nostro malgrado dobbiamo rilevare che, a fronte dei comunicati stampa che tutto è a posto e che in tempi record la città è stata ripulita, la città ha più punti dove la spazzatura regna sovrana da giorni. Aggiungiamo pure che il gran lavoro degli operatori costretti ancora oggi a raccogliere rifiuti sparsi ovunque, viene vanificato dalla approssimazione di come viene condotto il servizio ivi incluso quello di porta a porta. Quella nella foto è solo una delle tante microdiscariche che pure oggi continuano ad esserci. Foto che si riferisce ad una zona del centro dove il porta a porta non è ancora partito e, sembrerebbe stando alle dichiarazioni dei residenti, i cassonetti sono spariti da giorni e non ancora rimpiazzati. Il servizio fotografico che abbiamo realizzato lo regaleremo agli uffici competenti perchè sappiano che esitono i cassonetti del porta a porta del Ciantro o della Via Spiaggia di Ponente che anche oggi sono rimasti pieni, altro che pulizia della città a tempo di record. Se poi vogliamo raccontarcela tutta, diciamo pure che se la discarica dell'indifferenziato è rimasta chiusa, a soffrirne avrebbe dovuto essere solo il 20% del territorio. Il resto è interessato dalla raccolta porta a porta che va conferita in punti diversi che erano e sono rimasti aperti. Allora come mai non si è provveduto a raccogliere il porta a porta?. Come mai i cassetti fuori dai condomini e le case  erano piene di buste e bustine di raccolta differenziata rimasta per giorni lì ( in molti punti ancora oggi). Mistero che siamo convinti qualcuno ci svelerà. Magari evitando i proclami e lavorando come si dovrebbe ( a Milazzo i rifiuti costano più che in tutti gli altri Comuni della Provincia e sono tra i più cari in assoluto in tutta Italia) forse non ci si accorgerebbe neanche della chiusura della discarica per appena due giorni. Ormai siamo lanciati verso il record assoluto dei comunicati stampa "farlocchi", record che continuando così e con il giusto supporto di titoli roboanti siamo convinti che verrà battuto entro la fine dell'anno. 

Articoli relazionati

Nessun articolo relazionato


REDAZIONE

Pippo Midili

Pippo Midili

Direttore responsabile
Gianfranco Pensavalli

Gianfranco Pensavalli

 
Fortunato Marino

Fortunato Marino

Gianpaolo Piccolo

Gianpaolo Piccolo

Reparto Sport
Simone Barbaro

Simone Barbaro

Rubriche
Francesco D'Amico

Francesco D'Amico

Fabio Piccolo

Fabio Piccolo

Rossella Trimarchi

Rossella Trimarchi

Milena Cascio

Milena Cascio

Gianni Fantoni

Gianni Fantoni

Web architect
Laura Sidoti

Laura Sidoti

Graphic Designer
Dario Massi

Dario Massi

Digital Strategist, SEO

 


© 2015 - 2016 - All rights reserved - Associazione "Il Diario Metropolitano"
Via Cumbo Borgia, 57 - 98057 Milazzo (Me) | Tel. 090 9282074 - CF/P.IVA 03392860833

0
Shares